Amare senza soldi

 

Amare senza soldi

Quello nella foto è il gatto Toldo. Per oltre un anno e mezzo dal 2011, Toldo ha portato un regalo al suo padrone Renzo Iozzelli, di Montagnana in provincia di Pistoia.
Toldo gli portava piccoli rametti di acacia, fazzoletti di carta, bicchieri di plastica. Lo faceva tutti i giorni, anche più volte al giorno, ogni volta che voleva dire al suo padrone quanto lo amasse.
Lo faceva, anche se nessuno lo vedeva, perché i regali a volte li portava al mattino presto.
Lo faceva, anche se il suo padrone non lo poteva vedere, perché Renzo Iozzelli è morto il 22 settembre di quello stesso anno e Toldo lo ha accompagnato da casa fino al cimitero, il giorno del funerale.
E, dal quel giorno, ha continuato a volergli bene, senza niente in cambio, senza nemmeno in cambio l’amore del suo padrone morto.
Moltissimi testimoni hanno visto Toldo stare accanto al suo padrone, portargli i regali e recarsi al cimitero più volte al giorno.
Il cuore di Toldo non è intriso di denaro e vive i suoi sentimenti nella forma più pura.
Noi, invece, per dire “ti voglio bene” ad una persona abbiamo bisogno di spendere soldi in una cena costosa, in un gioiello, in una vacanza o in un abito firmato. E più è forte il nostro sentimento più abbiamo bisogno di spendere per dimostrarlo.
Un anniversario si celebra almeno con una cena, meglio se con un week end di vacanza.
Un fidanzamento ha bisogno di un anello con diamante. E così via.
Questa dipendenza dal denaro la vive tanto chi riceve il regalo, quanto chi lo fa, nelle più varie forme di amore.
I giornali sono pieni di storie di padri che si sentono umiliati perché non possono regalare giocattoli ai loro figli. Alcuni di loro, senza lavoro da troppo tempo, non possono regalare loro nemmeno un gelato. E si sentono privati della possibilità di amare i loro figli.
A loro Toldo potrebbe insegnare che è possibile amare lo stesso, anche senza soldi.
Al proprio figlio, si può regalare un sorriso o un intero pomeriggio passato a giocare con il proprio papà.
Un fidanzamento è altrettanto solido, anzi più solido, se si celebra con un fiore raro colto in un bosco o con una poesia scritta apposta per la persona amata.
Un anniversario è ugualmente bello se si festeggia con una cena cucinata, per l’occasione.
Non ci sono più notizie di Toldo, ma è certo e ci sono molte persone disposte a giurarlo che lui sia ancora là, accanto al suo padrone, felice di aver trovato un rametto di acacia anche oggi, felice solo di amare.

Informazioni sull' Autore  ⁄ Alessio

One Comment

  • Rispondi
    18 gennaio 2014

    ciao alessio, complimenti per il sito…e soprattutto per i contenuti