Critiche al Bitcoin da Michel Bauwens

Il Bitcoin è di gran lunga la più popolare delle monete complementari. E con merito! Perché è l’unica ad aver pervaso il pianeta su larga scala.

Ma il Bitcoin rischia di coinvolgere in un grande crash tutte le altre monete complementari, che pagheranno ingiustamente gli errori del loro più famoso parente.

Alcune critiche ce le fornisce Michel Bauwens, una vera e propria autorità mondiale dei sistemi “peer to peer” (P2P), ovvero dei modelli che supereranno il vecchio sistema capitalistico.

Michel-Bauwens 1

Ecco alcuni passaggi di un’intervista riportata sul suo sito P2Pfoundation:

Sei diventato molto critico sul Bitcoin. Ricordo che usavi toni molto più entusiastici in passato.

Michel Bauwens: “Se leggi i miei scritti, scoprirai che ero critico fin dagli inizi. Ero solito dire: “Non è abbastanza”. Da allora, gradualmente, man mano che imparavo di più sul Bitcoin, non era solo “non abbastanza”, ma ho scoperto che aveva un progetto difettoso: era deflattivo. I fatti dicono che il Bitcoin non risolve i problemi sociali. Anzi, attualmente gli esacerba. La mia idea sul Bitcoin oggi è che sia una grande cosa nel senso che possiamo avere una moneta su larga scala animata dalla comunità. Penso che questo sia grande. Ma cosa dire sulla giustizia sociale? Cosa dire sulle persone che non hanno i Bitcoin e che devono comprarseli? Tutti questi problemi non possono essere risolti, possedendo Bitcoin. Quindi, l’idea per me è questa: possiamo avere una moneta digitale globale che abbia un progetto diverso? Per esempio, c’è il Freecoin, che è una variante del Bitcoin con interesse negativo, detta penale, per scoraggiarne l’incetta. Ci sono molte modalità da vedere. Abbiamo bisogno di un miglior progetto di quello degli anarco-capitalisti del Bitcoin e della loro “economia austriaca” che è inscritta nel protocollo della loro moneta.

Per il testo inglese e l’intervista integrale: http://blog.p2pfoundation.net/beyond-greenpirate-cooperation-towards-a-european-grand-alliance-of-the-commons/2014/01/24

Informazioni sull' Autore  ⁄ Alessio

No Comments